Questo sito utilizza cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultare la nostra politica sui cookies. Leggi tutto

sgs

Le associazioni si uniscono per dare risposte più complete ai cittadini
S.Giorgio Solidale, ovvero la cabina di regia per coordinare tutte le iniziative predisposte dal mondo del volontariato di S. Giorgio, sarà al centro di un momento di confronto e d’informazione che il Comune ha posto in calendario domani in sala consigliare a partire dalle 18 nell’ambito del consiglio comunale aperto.

L’intento dell’ente locale, con questa iniziativa, è quello di far consocere più a fondo e nella giusta sua dimensione il progetto che lo scorso anno ha portato alla nascita di questo nuovo soggetto, vedi appunto “Sgs - San Giorgio Solidale”, che è impegnato nella promozione, sensibilizzazione e valorizzazione dell’importante ruolo rivestito dai volontari nei vari ambiti.

A illustrare i motivi di fondo del consiglio comunale aperto vi erano: Beniamino Morselli, sindaco; Giovanni Votta, componente dell’Avis di S. Giorgio e referente del progetto Sgs, Marina Caleffi, de “Il Girasole”, Rossella Federici Canova, responsabile del progetto “Mi Affido per te”pormosso da “Il Girasole”, Angiolina Zanini, della Polisportiva “La Stella” e Manuela Gorni del Csvm.

«Riteniamo - spiega il sindaco, Beniamino Morselli - come ente che il cammino compiuto da S. Giorgio Solidale meriti di essere sostenuto con tutte le forze, senza per questo interferire sulla gestione dell’attività che viene predisposta, perché potrebbe creare i presupposti in futuro prossimi per la creazione di una consulta del volontariato. Grazie al consiglio comunale aperto, proposta che abbiamo da subito condiviso, contiamo di fornire ai nostri consiglieri comunali e ai nostri cittadini di mettere a disposizione un ottimo strumento per disporre delle necessarie informazioni sull’impegno che viene profuso dalle varie associazioni o gruppi che hanno aderito al progetto».

Tra i vari servizi che sono stati ideati vi è pure lo sportello denominato “Il volontariato che orienta”, un punto di riferimento, gestito dai volontari delle
realtà sangiorgine, dove il singolo che lo desideri ogni sabato pomeriggio, dalle 16 alle 18, a partire dal 5 dicembre troverà all’interno della biblioteca comunale una persona pronta ad informarlo sulle attività promosse e sulle possibilità esistenti nel caso intenda impegnarsi per gli altri.

Altro elemento sottolineato ieri è quello inerente il paziente lavoro coordinato da S. Giorgio Solidale con l’Alce Nero perquel che riguarda il progetto di integrazione e coinvolgimento nella vita quotidiana della comunità relativamente ai 31 rifugiati presenti sul territorio di S. Giorgio.
Paolo Biondo